“Succube dei social”. E fanno causa a Zuckerberg

Quando era minorenne avrebbe trascorso talmente tante ore, giorni, mesi e anni su Instagram, al punto da diventarne dipendente. Usando lo smartphone, il tablet o il Pc. Insomma, un qualsiasi mezzo pur di stare collegata più possibile a quel social network pieno di foto. E secondo i genitori ne era diventata talmente succube al punto da sviluppare problemi di salute mentale e alimentare. Oggi che la figlia è maggiorenne, mamma e papà hanno deciso di chiedere conto di quanto capitato alla figlia, a Meta, il colosso di Mark Zuckerberg. E adesso il gruppo cui fanno capo i social network Facebook e Instagram, è finito alla sbarra.

Read more

Dentro l’universo virtuale

di Luciano Floridi – Tratto da Formiche Una completa fusione tra i due mondi, in cui reale e virtuale si mescolano in modo indistinguibile, resta fantascienza. Ciò che si può fare è procedere verso una integrazione delle due dimensioni per assicurarsi che esse siano complementari. In questo caso i benefici sono molti, si pensi alla…

Read more

Governare il digitale

Web & diritto. La tutela di chi è esposto al potere delle piattaforme è al centro di un volume che indica rischi e pericoli del sistema di Guido Alpa – Tratto da IlSole24Ore Domenica del 22 maggio 2022 Il 23 marzo e il 23 aprile scorso il Parlamento e il Consiglio europeo hanno raggiunto due…

Read more

Allarme della polizia postale per il pupazzo Huggy Wuggy: “Genera ansie e paure nei bambini”

Secondo quanto emerso da uno studio condotto a scopo preventivo dagli psicologi dell’Unità analisi del crimine informatico della Postale, Huggy Wuggy potrebbe generare nei bambini ansie e paure. Nel videogioco horror che lo vede protagonista, Poppy Playtime, vietato ai minori di 13 anni, il pupazzo dal folto pelo blu e dai lunghi denti affilati nascosti dietro un sorriso apparentemente dolce, insegue i protagonisti del gioco all’interno di una casa abbandonata.

Read more

Chi usa meno il cellulare è meno stressato

Usare lo smartphone, o non usare lo smartphone? Questo è il dilemma shakesperiano, aggiornato al millennio in cui stiamo vivendo. Non possiamo farne a meno, perché ci lavoriamo, googliamo, scrolliamo i social, programmiamo viaggi, vediamo serie tv, facciamo shopping. Lo smartphone è un surrogato della nostra esistenza, tanto che sembra impossibile rinunciarvi, ma siamo certi che non sia possibile ridurne l’utilizzo?

Read more