“I social come la droga. Un rischio per i ragazzi”

“Per la prima volta nella storia dell’umanità – ha spiegato Cangini – le nuove generazioni mostrano un quoziente di intelligenza inferiore a quello delle generazioni che le hanno precedute. Calano le facoltà mentali dei più giovani, aumenta il loro disagio psicologico. Ansia, stress, depressione, disturbi alimentari. I dati fanno paura e sono in crescita costante. E’ l’effetto di una vita trascorsa usando social, video, chat e videogiochi. Un uso che, stimolando il cervello a rilasciare il neurotrasmettitore della sensazione del piacere, non può che degenerare in abuso. Il web come la cocaina appunto”.

Read more